“La casa degli spiriti” di Isabel Allende

Questo bellissimo romanzo della scrittrice cilena prende spunto dalle sue vicende isabel-allende-9181801-1-402.jpgautobiografiche, e in particolare dalla sua infanzia e giovinezza passate a casa dell’amatissimo nonno, in mezzo ai fermenti politici che scuotevano il Cile. È proprio grazie a questo romanzo che la Allende ottenne la notorietà nel 1982, ma il suo stile inconfondibile, che mescola con equilibrio storia e mito, vi è già presente, creando una saga familiare capace di coinvolgere ed emozionare.

Tre infatti sono le generazioni del romanzo, inquadrate da altrettante donne, protagoniste indimenticabili di tutti gli eventi e i colpi di scena della narrazione, che va dai primi del ‘900 all’avvento della dittatura del generale Pinochet nel 1973: Clara, sua figlia Blanca, e la figlia di Blanca, Alba, la voce narrante.

A loro sono legate storie d’amore piene di passione e di tormento, come quella di Blanca, che si innamora di Pedro, un bracciante della tenuta di suo padre Esteban, uomo rigido e orgogliosamente conservatore. Nonostante i duri moniti del padre, Blanca continuerà di nascosto questa relazione e per essa metterà persino a rischio la sua stessa vita.

Al personaggio di Clara sono invece legate le componenti magiche ed oniriche del romanzo, che danno a tutta la storia un’aura surreale e ricca di fascino. Fin da piccola, infatti, Clara dimostra incredibili poteri di preveggenza, in grado di farle intuire la morte precoce della sorella Rosa, la nascita di sua figlia, la scomparsa della cognata Fèrula, donna di immensa gentilezza ed umiltà, sempre pronta ad annientare sé stessa per dedicarsi al prossimo.

Ad Alba sono infine legati passato, presente e futuro. In lei c’è l’allegria e l’esuberanza della nonna Clara e la forza della madre Blanca.

Quello dell’Allende è sicuramente un libro dove le Donne emergono con la D maiuscola. Oltre a quelle già citate se ne incontrano anche altre, di ceti inferiori, ma non meno importanti, come la prostituta Trànsito, o la bracciante Pancha, violentata dal padrone Esteban. Sono donne che soffrono, e che vengono sottomesse, ma anche che amano e che lottano per gli ideali in cui credono. Sono loro che scrivono la storia, anche se i libri tacciono i loro nomi.

Gli uomini nel romanzo sono presenti, certo, ma il più delle volte (fatta eccezione per Pedro) non sono modelli positivi: Esteban Trueba, marito di Clara, è un traditore incallito, pieno di orgoglio; caccia di casa la sorella Fèrula, costringendola ad una vita misera e solitaria, osteggia la relazione di Blanca e Pedro, violenta Pancha. Solo la nascita della nipote e l’incarcerazione della figlia dopo il golpe militare lo porteranno lentamente a comprendere l’importanza degli affetti.

Esteban Gàrcia, il figlio nato dalla violenza alla giovane Pancha, è pieno di risentimento, e sfrutta il golpe militare per torturare la prigioniera Blanca, sulla quale riversa un odio ancestrale, e tutto la voglia di vendetta covata negli anni per ciò che ella rappresenta, ovvero ciò che egli non ha mai avuto, né mai avrà.

Nonostante la trama estesa e la vastità dei personaggi, il libro scorre benissimo, catturando il lettore con un fascino a metà tra la favola e la realtà. La Allende riesce a far sì che i personaggi, grazie al loro vissuto e alle loro psicologie tratteggiate alla perfezione, diventino parte integrante dell’immaginario di ognuno. In ogni personaggio si può riscoprire qualcosa di noi, immedesimandosi in ciò che si legge.

Un contributo non indifferente in questo dev’essere certo venuto anche dal film del 1993, dove le interpretazioni di Jeremy Irons (Esteban), Meryl Streep (Clara) e Glenn Close (Fèrula) sono tra le più belle che il cinema abbia mai conosciuto. Assolutamente consigliati entrambi!!

sop

Qui sotto aspetto i vostri commenti e le vostre impressioni sia sul libro, che sul film!!! 😉

Ci rivediamo martedì prossimo con un altro strepitoso libro!

Cat.

Autore: Isabel Allende

Titolo: La casa degli spiriti

Editore: Feltrinelli

Pagine: 364

Anno: 2013

bsbs

Potrebbe interessarti anche:
“Ciò che inferno non è” di Alessandro D’Avenia
“Ieri” di Agota Kristof
“Casa Howard” di Edward Morgan Forster

9 thoughts on ““La casa degli spiriti” di Isabel Allende

  1. Io ho letto il libro e visto il film….mi sono piaciuti entrambi!!!! Nella mente ho vivissime immagini di capelli verdi ed occhi scintillanti d’amore e odio, una storia fantanstatica indimenticabile che ancora mi emoziona. Ross

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...