Scrittori Emergenti

Segnalazione: “Terra 2486” di Andrea Bindella

Cari Shivers è il momento di una SEGNALAZIONE!
Se siete appassionati di fantascienza e di scenari distopici questo è il libro che fa per voi!
Si tratta di Terra 2486 di Andrea Bindella, scoprite con noi tutti i dettagli…

Titolo: Terra 2486
Autore: Andrea Bindella
Casa Editrice: Self Publishing
Genere: Fantascienza
Formato: Elettronico e Cartaceo
Prezzo: eBook € 1,49 / Cartaceo € 11,99
Pagine: 221
Data Pubblicazione: dicembre 2017

Quarta di copertina:
“Ora che ti ho spiegato il piano fin nei minimi particolari, dovrebbe arrivare la cavalleria ad uccidermi e salvarti, proprio come nei film”.
In un futuro privo di guerre, la colonia umana Adhras è stata attaccata e sterminata. Le prime indagini sui responsabili sembrano portare ad una civiltà di robot senzienti che prospera a pochi anni luce di distanza. Al generale Russel viene affidato l’incarico più gravoso della sua carriera: formare e addestrare una squadra d’assalto per affrontare i colpevoli e porre fine alla loro esistenza.
Riuscirà il protagonista nel suo intento o questa si rivelerà la sua ultima missione?
Chi si cela realmente dietro il sipario e muove tutti come burattini?
Battaglie, tradimenti, incubi e colpi di scena si alterneranno prima dello scontro finale, attraverso una storia dai risvolti inaspettati.

Biografia:
Andrea Bindella è nato a Perugia il 14 maggio 1979, vive ad Assisi e lavora come libero professionista. Nel tempo libero ama leggere fumetti e romanzi, ascoltare musica rock, pop e jazz, guardare film e serie televisive e cucinare.
Nell’estate del 2017 pubblica il suo primo libro – “Un nuovo nemico” – un thriller/fantasy che riscuote subito un successo inaspettato per un romanzo d’esordio.
A novembre dello stesso anno decide di pubblicare “Terra 2486“, ambientato in un futuro non troppo lontano in cui l’incubo di un attacco alieno sembra minacciare l’umanità.

Estratto:

“Ora che ti ho spiegato il piano fin nei minimi particolari, dovrebbe arrivare la cavalleria a uccidermi e salvarti, proprio come nei film”. La donna si guardò intorno e tese le orecchie. “Non sento niente”. Sorrise. “Addio, tesoro. A non rivederci più”. Prese la mira e gli sparò alla testa.

* * *

“Deve essere lui” disse l’umanoide con le corna. Si faceva chiamare Bafhetis.
“Sì, dobbiamo fare in fretta, rischiamo di perdere la sua essenza” replicò l’umanoide con la barba bianca lunga. Lo chiamavano Elhoynam.
“Dopo quasi cinquemilaseicento anni, ti fai prendere dall’ansia proprio ora?” sbottò Bafhetis.
“Se quel giorno non ti fossi messo in mezzo, con quella tua idea di salvarli a bordo di una strampalata nave di legno, ora non ci troveremmo in questa situazione!”.
“Bravo, sono solo cinquemila anni che me lo rinfacci, mi stavo giusto chiedendo quando lo avresti fatto anche oggi”.
“Che poi, non ti era bastata, la prima volta, quella specie di zattera? Anche la seconda volta hai voluto fare il misericordioso; universi e pianeti diversi, stessa fine. Ma perché continuo a lavorare con te, mi chiedo. Voglio il trasferimento!” aggiunse Elhoynam.
“Bla, bla, bla… Sempre le stesse ciance. Che pazienza, povero me”.
“Bafhetis, metti il riattivatore sul petto di questo cadavere; ci vorranno anni per ridargli un corpo funzionante”.
“Perché, hai impegni?”.
“Allora avrai l’onore di spiegarlo a mia moglie” lo minacciò Elhoynam.
Bafhetis appoggiò il congegno elettronico, simile a un piatto di ceramica, sul petto del cadavere disteso a terra. Con le dita artigliate sfiorò alcuni pulsanti situati al centro del disco che iniziò a emettere uno strano ronzio, seguito da flash luminosi. Il cadavere venne scosso da convulsioni sempre più frequenti e forti, fino a quando il disco non smise di ronzare e l’intera struttura ripiombò nel silenzio più assoluto.
“L’essenza dell’umano è stata risucchiata nel disco, ottimo lavoro” osservò Elhoynam.
“Prendiamo questo corpo e portiamolo a bordo della nave. Non ha la minima idea di quello che gli aspetterà una volta riaperti gli occhi”.
Una risata sinistra riempì l’hangar spaziale.

* * *

CIRCA TRE MESI PRIMA
“Qui colonia Adras, ci ricevete? Siamo stati attaccati. Vi prego, aiutateci! Mi sentite? Come funziona questo maledetto aggeggio? Rispondete, per favore! Mandateci dei soccorsi, aiutateci, vi prego!”.
Le domande dell’uomo non trovarono risposta.
“John, sei tu? Dai, smettila di fare l’idiota! Rispondi, sei tu?”.
L’interfono emise un flebile ronzio.
“Dai, John, che cazzo fai? Rispondi!”.
Si udì un rumore di lamiere accartocciate.
“Oh, cazzo!”.
Dei colpi d’arma da fuoco fecero crepitare l’interfono.
“Nooo! Nooo!”.
Seguirono altri colpi d’arma da fuoco, un urlo straziante e poi, ancora, silenzio.
La comunicazione si interruppe.

Se questi estratti vi hanno colpito e curiosito vi ricordiamo che potete trovare il libro in cartaceo e ebook ai seguenti link:
Acquisto: https://www.amazon.it/Andrea-Bindella/e/B076Z4ZWD4/ref=dp_byline_cont_book_1
Sito: http://andreabindella.com
Facebook: https://www.facebook.com/profile.php?id=100018006752186
Twitter: http://twitter.com/AndreaBindo

Copertina eBook.jpg

CORRELATI:
Segnalazione: “Sere d’autunno a Firenze” di Maria Capasso
“Chiaroscuri d’amore” di Stefano Ravaglia
“Le otto montagne” di Paolo Cognetti

3 pensieri riguardo “Segnalazione: “Terra 2486” di Andrea Bindella”

  1. Pingback: Andrea Bindella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...