Angolo dei Libri

“Mille splendidi soli” di Khaled Hosseini

Titolo: Mille splendidi soli
Autore: Khaled Hosseini
Editore: Piemme
Pagine: 432
Anno: 2007
LINK D’ACQUISTO AMAZON: Mille splendidi soli

Voto: 5/5
5stelle

38920524_1912270115497981_5822899210017570816_n

Solo di rado mi spingo a intraprendere la lettura di autori mediorientali: mondi così lontani dal nostro mi mettono soggezione e ho sempre paura di non comprendere appieno ciò che leggerei. Con l’afgano Hosseini ho fatto uno strappo alla regola, spinta dalla trama di questo intenso romanzo, che mi ha catapultata a Kabul, facendomi conoscere le storie di due giovani donne, Mariam e Laila.

Mariam ha quindici anni e vive con la madre, in una piccola kolba di legno vicino Herat. Ogni settimana attende con ansia il giovedì, il giorno in cui il padre Jalil viene a farle visita e le racconta di paesaggi meravigliosi, di razzi che atterrano su quel mistero che è la luna, e dei film che proietta nel suo cinema. La ragazza adora suo padre e il modo in cui la fa fuggire dalla quotidianità. La cosa che desidererebbe più di tutte sarebbe poter vivere con lui in mezzo a quelle meraviglie, ma nel profondo del suo cuore sa che ciò è irrealizzabile, perché una harami come lei, cioè una bastarda, sarebbe un’umiliazione per le altre mogli e i figli legittimi del genitore. A Mariam non è concesso altro che la sopportazione. Anche la scuola, come le ripete sempre sua madre, sarebbe una perdita di tempo per una come lei, marchiata a fuoco fin dalla nascita.

Laila è nata a Kabul nell’aprile del 1978, mentre in città infuriava la rivoluzione. I suoi fratelli, arruolati nella jihad, sono morti quando lei era piccolissima e al loro funerale Laila non ha nemmeno pianto. Quelli non erano i suoi fratelli, non li aveva mai conosciuti. Con Tariq invece è tutta un’altra cosa: lui sì che si comporta da fratello, e la difende dalle prepotenze dei coetanei, la fa divertire e ridere, e le manda segnali luminosi dalla finestra come saluto di buonanotte. Tariq è davvero speciale e a Laila non importa se ha perso una gamba su una mina antiuomo. Laila vive serena e può contare su una famiglia unita che la ama e la supporta.

Mariam e Laila provengono da situazioni diverse e hanno caratteri diversi, ma la guerra le farà incontrare e fortificherà il loro rapporto. Passo dopo passo seguiamo le loro vite: il matrimonio forzato di Mariam con l’anziano e violento Raschid, dopo la morte di sua madre, le sue innumerevoli sofferenze, la sua condizione di schiavitù domestica; l’innamoramento dolce e perfetto di Laila e Tariq, i loro progetti insieme. E su tutto piomba all’improvviso lo scoppio della guerra, l’arrivo dei talebani, i destini che si infrangono, le due donne che all’inizio mal si sopportano e che invece alla fine si capiscono, si confidano e trovano la forza l’una nelle sofferenze dell’altra.

Un flusso di emozioni continue, dalla rabbia per le oppressioni e violenze subite da Mariam, alla commozione per i sentimenti puri del giovane Tariq, figlio della stessa terra di Raschid, eppure così diverso. Hosseini ci riporta alla riflessione profonda su un mondo che considera le donne come esseri inutili, sulla potenza annientatrice dell’odio e su quella salvatrice dell’amore, che in mezzo al buio rimane l’ultima speranza.

Lettura scorrevole, a tratti dura come un pugno nello stomaco, a tratti magica e affascinante come solo l’Oriente sa essere, ma mai patetica (anche se ne avrebbe più di un’occasione). Non è un libro che si dimentica e merita di essere inserito come ottima lettura scolastica per conoscere meglio mondi che riteniamo tanto lontani, ma alla fine non lo sono poi più di tanto.

Con questa recensione il nostro spazio letterario si prende una pausa fino a settembre, ma tranquilli amici lettori, non vi lasceremo soli! Ci saranno tantissime chicche a farvi compagnia, non perdetevele! Un abbraccio a tutti!

Cat.

2 pensieri riguardo ““Mille splendidi soli” di Khaled Hosseini”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...