musica indipendente

ANDREA BRUNOTTI: in radio e sui digital stores il singolo “UNA GOCCIA”

ANDREA BRUNOTTI: DAL 12 APRILE IN RADIO E SUI DIGITAL STORES IL SINGOLO UNA GOCCIA APRIPISTA DEL SECONDO LAVORO DEL CANTAUTORE LUNIGIANESE IL SORRISO E IL MALINTESO IN USCITA IL 10 MAGGIO PER LA STANZA NASCOSTA RECORDS.

 Il singolo Una goccia, accompagnato dal videoclip ufficiale per la regia di Ines Cattabriga, racconta, nelle parole di Brunotti “l’arrivo di una figlia: quel momento in cui le lacrime, ieri amare, improvvisamente diventano dolci; l’orgoglio si fa più debole e la smorfia di dolore viene spazzata via da un sorriso sullo sfondo.”

In Una goccia, ispirata ballad pop-rock dalla linea melodica elegante e catchy, Andrea Brunotti disegna in punta di piedi uno spaccato di vita personale, attingendo ad una dimensione intima ed universale al tempo stesso.

Quello di Brunotti è un cantautorato che trova il suo humus nella condizione umana, snodandosi lungo le traiettorie esistenziali di una autentica cartografia emozionale.

Andrea Brunotti, già finalista al Premio Anacapri Bruno Lauzi ed opening act di Danilo Sacco (ex Nomadi), ha all’attivo l’ep Emigrato cosciente, uscito per l’etichetta discografica La Stanza Nascosta Records del musicista cecinese Salvatore Papotto e inserito dal prestigioso magazine musicale Shiver tra i migliori esordi del 2017.

una goccia-brunotti

IL VIDEOCLIP

Il videoclip è stato realizzato da Ines Cattabriga, regista teatrale e cinematografica, videomaker e direttore artistico di Officine T.O.K., un’associazione culturale nata nel gennaio 2017 ed operativa tra la Liguria e la Toscana, che si occupa dell’organizzazione di laboratori teatrali e multimediali, eventi, rassegne e spettacoli.

“Il videoclip- spiega la regista- vuole porre l’accento sulla necessità di guardare con stupore al mondo che ci circonda, recuperando quella particolare sensibilità dell’infanzia che, nel passaggio all’età adulta, spesso si perde. Emblematica in questo senso la figura del bambino vestito da supereroe, capace-come il “fanciullino” di pascoliana memoria, di cogliere affinità e connessioni nuove e sorprendenti, vestendo di immaginazione la realtà e privilegiando una “vista simbolica”.

Il linguaggio di Brunotti è, non a caso, metaforico e allusivo, carico di una poesia che non scade mai nel didascalismo; ho cercato di tradurlo in una storia per immagini che si presta a differenti livelli di lettura. Fondamentale è stato l’apporto di Francesco Tassara, aiuto regista ed addetto al montaggio, e dell’attrice Elisabetta Dini. A monte c’è anche l’amore per la Lunigiana ed il desiderio, fortemente condiviso da Brunotti, di una valorizzazione della bellezza dei nostri territori.”

Una Goccia: Parole: Andrea Brunotti. Musica: Andrea Brunotti e Clyde. Arrangiamenti: Clyde e Salvatore Papotto. Mixaggio e Mastering: Salvatore Papotto. Chitarre, programmazione batterie e organo: Clyde. Basso, programmazione archi e programmazione fiati: Salvatore Papotto. Voce: Andrea Brunotti.

TESTO

Una goccia… (A.Brunotti – L.Guelpa)

Ogni uomo è in lotta,
con la propria personalità,
legare all’intenzione
i movimenti del corpo,
battere il piede fuori tempo. 

Qualcuno sostiene
che un tick nervoso,
non c’entra, con la fragilità.
Dimenticare tutto
ciò che ci rende
esseri speciali.

Spogliarsi dei panni da pirata
solcare nuovi mari
la nave è leggera
bello salire
ma è meglio aspettare…

Scende una lacrima dal viso,
tu racconta è solamente,
una goccia di sudore,
brivido inaspettato,
dai sempre la colpa al vento,
ad un colpo di vento improvviso,
che ti sorprende, improvviso.

Ogni uomo è in lotta,
con la propria credibilità,
lo scudo l’apparenza,
le trappole del volto,
battere le mani fuori tempo.

 Spogliarsi dei panni da pirata,
una carezza allunga la vita,
la nave è solida,
giusto partire,
cosa serve aspettare… 

Scende una lacrima dal viso,
tu racconta è solamente,
una goccia di sudore,
brivido inaspettato,
dai sempre la colpa al vento,
ad un colpo di vento improvviso,
che ti sorprende, improvviso.

  Scende una lacrima dal viso,
Alyssa ti racconto
la mia goccia di splendore,
brivido inaspettato,
si è fermato il vento,
un soffio di vento improvviso,
mentre sorrido…

Scivola una lacrima sul viso,
tu racconta che è solamente
la goccia di un amore
brivido inaspettato,
dai sempre la colpa al vento,
ad un colpo di vento improvviso,
che ti sorprende, improvviso…

Ti ho cercato,
mi hai cercato,
mi sono perso
quando ho capito…
sono ripartito,
ti ho trovato
tu mi hai preso per mano…”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...