Scrittori Emergenti

SEGNALAZIONE: “La Dama in Verde” di Antonia Romagnoli

Titolo: La Dama in Verde
Autrice: Antonia Romagnoli
Editore: Self
Collana: Ghost Ladies
LINK D’ACQUISTO AMAZON: La Dama in Verde (Ghost Ladies Vol. 3)

fronte red

 Trama

Inghilterra, 1816

Dopo aver trascorso diversi anni sul Continente, Lord Hemsworth torna in patria per incontrare Honoria, sua promessa sposa. Ciò che il Barone non si aspetta, però, è di scoprire nell’amica di lei un volto che gli è ben noto: è lo stesso viso che, da tanto tempo, lo affascina in un dipinto che ha inseguito per mezza Europa. Il legame, sconvolgente e inspiegabile, avvincerà entrambi, e conciliare i desideri del cuore e il senso dell’onore diventerà ben presto una vera battaglia…

Sarà Elspeth la donna che gli permetterà di espiare i delitti di cui si è macchiato? Può il destino avere legato le loro anime fuori dal tempo?

Ma soprattutto, chi è la dama vestita di verde che tormenta i sogni e segue i passi di tutti loro, e che con i suoi sussurri reclama diritti sul Barone di Hemsworth e la sua stirpe?

Amore e fantasmi nell’Inghilterra dell’Epoca Regency.

 

 La Serie Ghost Ladies

La Dama in Verde costituisce il terzo volume (indipendente e autoconclusivo) della serie delle Ghost Ladies, le dame fantasma, iniziata con “La Dama in Grigio” e proseguita da “La Dama in Bianco”.

La dama grigia, fantasma collegato a creature infelici che ripercorrono antichi cammini; la dama bianca, spirito familiare e messaggero di tristi annunci nei grandi casati nobiliari; la dama verde, spettro generato da un destino tragico… e tre donne, ciascuna legata in modo diverso al soprannaturale, in un mondo ancora lontano dagli esperimenti medianici di epoca vittoriana.

damacimitero

L’autrice

Antonia Romagnoli, copywriter, è un’autrice piacentina che si occupa di romance storici e di fantasy.
Finalista al Premio Galassia 2006, ha esordito con alcuni racconti fantastici in riviste e antologie. Ha pubblicato nel 2008 per le Edizioni l’Età dell’Acquario “Il segreto dell’Alchimista”, primo volume della Saga delle Terre, finalista al Premio Italia 2009. Il secondo episodio della saga, “I Signori delle Colline”, è uscito nel febbraio 2009.  “Triagrion”, il terzo episodio della saga, è uscito nel 2010 con Edizioni Domino.

I tre romanzi, seguiti nel 2016 dal prequel “Aerys – il potere del fuoco” sono stati riproposti da Delos Digital nella collana Fantasy. “Aerys” è arrivato in finale al Premio Italia 2017.
Con Domino ha pubblicato anche due fiabe per la prima infanzia.

Nel 2015 e 2016 ha pubblicato in modo autonomo i romance storici “La dama in grigio” e “Il libertino di Hidden Brook”, dedicandosi al periodo Regency e vittoriano, ai quali ha dedicato anche il suo blog “il salotto di Miss Darcy”.

Ha curato l’antologia “Natale a Pemberley” uscita nel dicembre 2017, e “Fantasmi a Northanger Abbey”, 2018, organizzate dal gruppo Regency & Victorian.

Nel 2018 è uscito il volume “Regency & Victorian – in viaggio fra usi e costumi dell’800 inglese”, che raccoglie i principali articoli del blog sull’epoca Regency e Vittoriana.

Estratto

Fra tutti, però, era Lord Hemsworth che generava in lei maggior inquietudine.

Honoria le aveva confidato che il suo futuro marito era noto in società con un soprannome assai poco promettente, “il Barone Nero”, che gli era stato affibbiato, a quanto si era potuto appurare, per colpa del suo carattere schivo e scostante, poco incline alle relazioni.

Aveva trascorso all’estero gli ultimi anni, partendo quasi subito dopo aver ereditato il titolo, e questa latitanza aveva aggiunto ulteriore mistero al personaggio, anche perché all’epoca della sua partenza si era lasciato alle spalle uno scandalo non ben precisato. Honoria aveva ricamato molto su quelle scarne informazioni che Elspeth si era limitata ad ascoltare, ma ora che il Barone era lì davanti a loro in carne e ossa, seduto con gli altri davanti al camino, una certa curiosità la spinse a osservarlo.

Fin da quando avevano discusso su quel soprannome, Elspeth non aveva nascosto all’amica la sua preoccupazione: come si sarebbe trovata accanto a un uomo con un carattere difficile, lei che si muoveva nella vita con la leggerezza di una farfalla?

Anche nell’aspetto, Lord Hemsworth sembrava volersi distinguere: mentre gli altri due portavano i capelli all’ultima moda, spinti in avanti da una rigorosa acconciatura che terminava in pronunciate basette, il Barone teneva la chioma chiara, lunga fin quasi alla spalla, raccolta in un antiquato codino. Anche la barba gli conferiva un aspetto demodé, in uno strano contrasto con l’eleganza e l’accuratezza dell’abbigliamento, che invece seguiva gli ultimi dettami della moda maschile, fino al nodo della cravatta immacolata.

Sembrava l’uomo dei contrasti: i tratti del viso erano angelici, delicati, ma la cicatrice sulla gota e le sue espressioni accigliate gli conferivano un’aria tenebrosa.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...